Al Dolphin Hotel

Mi accade spesso di sognare l’Albergo del Delfino.
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Andrete a votare? Per chi? Perchè?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
Solaris
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1093
Data d'iscrizione : 15.02.08
Età : 40

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Lun Apr 14, 2008 7:49 pm

Benvenuti all'inferno.

A.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.albardellosport.net
nu

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 23.02.08
Località : udine

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Lun Apr 14, 2008 8:30 pm

Sarà difficile sperare in qualcosa di buono!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
arzy

avatar

Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.02.08
Età : 63
Località : Piacenza

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 2:53 am

Grazie a xantia per gli auguri di arrivare alle massime cariche dello stato ma invero mi sono fermato allo 0,6% nella mia città. Non solo: scoppola come socialisti e seconda scoppola come sinistra arcobaleno (che ho votato e fatto votare al senato).

Spero la lega mi consenta di governare il cesso di casa mia. Di carnagione olivastra, se verrò sospettato di terùnismo potrei essere lapidato.

Sinceramente faccio fatica a racappezzarmi. Come primo istinto prenderei a calci nel sedere veltroni e d'alema e bersani e grissino fassino per aver condotto la sinistra ad un flop storico

Calci nel sedere anche al subcomandante Fausto per non aver avuto il coraggio di saltare il fosso e dichiararsi socialista europeo come zapatero

Calci e contestuali bastonate sul groppone a Fabione baffone mussi, partito per fare il socialismo europeo deve aver sbagliato qualche scambio ed è finito nella mockba degli anni sessanta a cantar il kasaciok

Calci nel sedere fino ad algeri per boselli frittella per non aver avuto il coraggio di tampinare fausto e fare insieme la grande sinistra socialista

Il guaio è che a forza di calci nel sedere mi son rovinato le scarpe e non riesco a reggere il passo dell'oca del berlusca e di gasparri

Ci penserà fini a mandarmi un paio di notti nella caserma di bolzaneto tanto di commissioni d'inchiesta poi non se ne parlerà mai

Amen

Sad Sad Sad
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.arzaniclaudio.splinder.com
Solaris
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1093
Data d'iscrizione : 15.02.08
Età : 40

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 9:42 am

Arzy quello che mi turba è notare che ci si possa svegliare ora.
Ora scoprire che una fetta del Paese in buona fede eleggeva da anni degli incompetenti, cui affidava un'idea di sinistra comunista o socialdemocratica insomma.
Ma come? Non possiamo lamentarci mentre governano.. ma quando perdono sì?
Per quanto mi riguarda ne soffro ma ugualmente mi rallegro: ci siamo liberati di una zavorra e se solo ci fosse ricambio possibile nei vertici dell'area cui sono ideologicamente più vicino, allora mi direi ancor più soddisfatto. Perchè una fenice rinasce dalla cenere, ma prima deve bruciare.
Tuttavia ci credo poco: ho lavorato troppo e troppo male con i salotti bene del comunismo italiano per credere che le cose possano essere alterate, si possa aprire un ricambio dal basso, far aderire le stanze con la base, come pur dicono onanisticamente da anni.
Siamo al momento più basso di sempre: siamo non sono.
La sinistra fuori dalle scatole, la sinistra ha perso un posto che storicamente il Paese le riconosceva: ma quale illusione era stata il movimentismo da cavalcare (mai innamorarsi di una puttana e l'alta borghesia noglobal pijava pure poco, mi si scusi l'esempio greve ma rende); quale pantomima quella di stare insieme, ma mettici pure gli altri, boselli e chi vuoi. La pantomima di ignorare che un incompetente più un incompetente fa due incompetenti non l'8%.
Il fallimento è talmente pesante che so il cuore di tanti si sarà contrito. Ma sono sicuro che chi da anni affidava ai comunisti con passione e amore la propria indigenza, una condizione di subalternità al potere, e non solo il ruolo di cambiare il mondo e quattro canzoni di gioventù, ieri non si è scosso. E almeno per una notte ha sperato che la fenice risorga dalla cenere.
A vedere il cielo stamani però mi sono reso conto di quanto infinite siano le possibilità del nulla.

A.


Ultima modifica di Solaris il Mar Apr 15, 2008 9:44 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.albardellosport.net
il_corvo

avatar

Numero di messaggi : 576
Data d'iscrizione : 19.02.08
Località : bassa modenese

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 9:44 am

Dire che non sono deluso direi una bugia. Ma è una delusione che viene da lontano. Non ho mai creduto, neppure per un secondo, ai proclami di recupero sbandierati dal mio omonimo Walter. Come si fa a parlare, come pure stamattina ho sentito, del più grande risultato mai ottenuto in Italia da un Partito riformista? Per favore, devo purtroppo riconoscere, per quanto odi quell'essere che nemmeno riesco a nominare e che siede alla destra di Walter, che in fatto di idee innovatrici gli da dieci a zero!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 9:47 am

Prima di fasciarsi la testa per quello che forse sarà o forse no, interroghiamoci sul motivo di una sconfitta così pesante del PD e più ancora della sinistra (la destra della Santanché ha fatto quasi più di Bertinotti!). E soprattutto chiediamoci come la Lega ha potuto avere così tanti voti.
I motivi credo stiano non tanto in meriti di Berlusconi e Bossi quanto nei demeriti del centro-sinistra, che ultimamente ne ha combinate di tutti i colori, facendo evidentemente rimpiangere persino l'odiato Berlusconi (che, diciamocelo, non piace nemmeno a chi l'ha votato).
Credo che così tanta gente nel Nord abbia votato Lega perché è stufa di vedere che ai clandestini sono concessi più diritti che ai cittadini italiani e perché è stufa di mantenere l'Italia col suo lavoro e di vedere che il 90% delle tasse che paga poi non finisce al Nord, tanto da vedere nell'intolleranza dei vari Borghezio e Calderoli l'unica soluzione possibile.

In ogni caso non credo che Berlusconi farà rivivere il Fascio (non credo né mi auguro): innanzitutto è vecchio (ha 72 anni), e poi è un imprenditore che vorrebbe imprese familiari ovunque, mi sembra troppo poco estremista per arrivare a una dittatura (l'estrema destra fascista poi ricordiamolo, è un'estremizzazione dell'estrema sinistra). Mi preoccuperei piuttosto della Lega. Se dopo l'uscita di Bossi (per morte o per chissà quale altro motivo) chi prenderà il suo posto sarà abbastanza abile da camuffare il partito in modo che interessi a tutta Italia, allora sì che rivivremo Hitler.

Queste sono le mie impressioni. Le vostre?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 9:53 am

Solaris ha scritto:
ho lavorato troppo e troppo male con i salotti bene del comunismo italiano per credere che le cose possano essere alterate, si possa aprire un ricambio dal basso, far aderire le stanze con la base, come pur dicono onanisticamente da anni.

il_corvo ha scritto:
devo purtroppo riconoscere, per quanto odi quell'essere che nemmeno riesco a nominare e che siede alla destra di Walter, che in fatto di idee innovatrici gli da dieci a zero!

La cosa più sorprendente (e vergognosa) è che storicamente la sinistra simboleggia l'ala progressista del parlamento mentre la destra l'ala conservatrice.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
nu

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 23.02.08
Località : udine

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 11:44 am

Non sono sorpresa del risultato della Lega, sono del sud ma vivo ad Udine e immagino perchè tante persone sostengano questo partito, anche se non condivido. Certo mi spaventa, certi estremismi sono sempre pericolosi specie quando diventano decisivi nel governo di un paese.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
xantia

avatar

Numero di messaggi : 13
Data d'iscrizione : 27.03.08
Età : 66
Località : Varese (profondo Nord)

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 9:08 pm

Come sempre sono molti i fattori che concorrono a formare un risultato elettorale. Elencarli tutti ci vorrebbe un libro di 200 pagine, anzi 281 pagine (chissà perché mi ronza nella testa questo numero!). Per brevità mi limito a due tra quelli a mio parere più importanti.

Il primo fattore, in una democrazia occidentale dominata dalla propaganda televisiva, e ormai affrancata (dopo la caduta del regime Sovietico) da quello che in Italia era chiamato il “pericolo comunista”, è che l’elettore, libero da scegliere tra destra e sinistra, è molto più influenzabile con una critica che con una lode, ovvero è più facile distruggere che costruire, o se preferite non fanno notizia mille interventi chirurgici ben riusciti, ma uno sbagliato. Non è un caso, secondo me, che in tutte le elezioni della cosiddetta seconda repubblica nessun Governo uscente sia stato riconfermato.

Il secondo fattore è rappresentato dalla “questione settentrionale”. Qui hanno giocato un ruolo importante le solite ragioni propagandate dalla Lega (sicurezza, immigrazione clandestina, squilibrio tra tasse raccolte e loro destinazione), ma nulla mi toglie dalla testa che il “caos rifiuti” in Campania ha rappresentato per tanti cittadini del Nord, specie se già appartenenti alla numerosa schiera degli indecisi, la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, specialmente quando il Governo Prodi ha creduto di risolvere la faccenda spedendo la “monnezza dei terroni” nelle discariche/inceneritori delle regioni Settentrionali.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 9:25 pm

Diciamo che Prodi, dopo aver compiuto un suicidio politico, ha riciclato il suo cadavere attraverso il Partito Democratico... peccato che puzzava ancora e a nessuno piace avere quel puzzo nauseabondo nell'aria.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
arzy

avatar

Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.02.08
Età : 63
Località : Piacenza

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mar Apr 15, 2008 11:34 pm

Viviamo un momento di contingenza economica negativa e, come sempre, in questi casi se piove è il governo ad essere ladro, a prescindere dal colore delle bandiere.

Il governo Prodi alcune eccellenze le ha fatte ma la crisi strutturale del sistema ne ha vanificato gli effetti positivi lasciando sul tavolo delle famiglie italiane solo negatività.

Premio economico ai pensionati a Natale? Già, ma l'aumento del prezzo del petrolio ha fatto aumentare benzina e via a seguire per ogni tipo di prodotto posto che ogni prodotto si sposta su ruota e i produttori devono aumentare il prezzo per recuperare l'aumento del costo.

Così è aumentato tutto. Dalla carne (considerata anche l'aumento di domanda dalla Cina) all'insalata per tacer del pane e dell'aumento del prezzo alla fonte, quello del grano.

Aumentato il mutuo della casa, aumentata la bolletta della luce e quella del gas, aumentata la tariffa ferroviaria in un paese a grande presenza di pendolari.

Da anni si emigra dalle grandi città verso paesini più o meno piccoli dove vengono realizzate villette a schiera a costi contenuti ma facile preda di bande organizzate.

Di fronte a tutto questo, c'è ancora spazio, nel nostro Paese, per ragionamenti sereni?

In un paesino poco fuori dalla mia Piacenza la Lega ha sfiorato il 20%, fatto incredibile per la rossa emilia. Eppure in quel paesino (in espansione e sviluppo) non risiede nemmeno un extracomunitario e nessuno ruba il lavoro ai giovani italiani. Però, mi è stato osservato, potrebbero venire da via e rubare nelle casette a schiera che gli operai di ieri si sono faticosamente costruiti. La paura. Poco importa sia reale, la paura fa novanta e la sinistra invece sembra col tachimetro fermo a 68.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.arzaniclaudio.splinder.com
Dot

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 18.03.08
Età : 62
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mer Apr 16, 2008 11:17 am

Ho letto con interesse questo tuo ultimo intervento Arzy, è scritto davvero bene perché in poche parole arrivi ad alcuni motivi fondamentali del fallimento della sinistra e dell’avanzamento della Lega. Aggiungo il mio punto di vista: in questo periodo di crisi economica qualsiasi formazione di sinistra che si trovi a governare ha le mani legate. Non è la mancanza di idee nuove, è che se anche ci fossero non sarebbe possibile attuarle senza rischiare il tracollo economico. Il consumismo ad oltranza, unito al tartassamento di tutti con l’aumento dei prezzi, è la strada che siamo condannati a percorrere, pena la caduta rovinosa. La spesa pubblica, soprattutto quella nel settore della sanità, aumenta via via che la vita si allunga, e così sarebbe anche se non ci fossero enormi sprechi e profitti illegali. La Cina invade i mercati e gestire l’economia di un Paese non è più, come poteva essere ai tempi di Giolitti ma anche solo un cinquantennio fa, un fatto di politica interna, non perché non esistesse anche ai quei tempi il commercio con l’estero ma perché quello e la globalizzazione dell’economia, ivi compresa la strettissima dipendenza dall'andamento economico statunitense, sono fenomeni lontanissimi l’uno dall’altro. Cosa vuol dire Sinistra oggi che non contrappone più gli interessi della classe operaia a quella dei “padroni”? Esistono le classi sociali? Mica tanto. Cresce invece il divario tra ricchi e poveri, e tuttavia i poveri non sono poveri come decenni fa, e perciò più tartassabili. Mi sbaglierò ma l’aumento del prezzo del pane e del costo dei servizi sarebbe avvenuto con qualsiasi governo. Certi dicono “eh, i parlamentari comincino a ridursi gli stipendi...si dimezzi il numero dei politici…” che sono parole dettate dalla giusta rabbia per l’ingiustizia del divario tra la gente e i politici, ma quest’operazione non porterebbe certo a risanare il debito pubblico, il risultato sarebbe ben più consistente se ipoteticamente si dimezzasse la spesa sanitaria.

Prendo a favore della mia tesi sull’impossibilità per qualsiasi governo di attuare una politica economica diversa da quella imperante a causa della contingenza economica e della globalizzazione del mercato, l’esempio della Spagna di Zapatero. Da Wikipedia:

Riforme in materia economica
Da un punto di vista economico, non ha mutato in modo significativo l'orientamento rispetto al precedente premier Aznar, durante il governo di Zapatero sono state infatti continuate le politiche di privatizzazione e liberalizzazione.
A proposito di lavoro, ha integrato la riforma volta alla flessibilità attuata dal precedente governo con incentivi all'assunzione dei giovani e alla trasformazione di contratti precari a tempo indeterminato o a tempo procrastinato (minimo 12 mesi). Inoltre, con la riforma del lavoro, ha consolidato stessi diritti e stesse opportunità tra uomini e donne. Altri punti della riforma sul lavoro comprendono la riduzione dei costi di licenziamento, il divieto di "incatenamento" del lavoro e l'aumento del salario minimo annuale dai 6.447 euro annui del 2004 agli attuali 7.988 (2007).
Infine, per palliare l'elevato tasso di indebitamento delle famiglie spagnole, dovuto soprattutto agli alti costi degli immobili, il governo Zapatero ha incrementato la costruzione e l'assegnazione di case popolari per le famiglie a basso reddito ed ha incentivato la modalità dell'affitto della residenza rispetto alla compravendita dei locali, tanto con agevolazioni fiscali per i proprietari, quanto con sussidi mensili per i giovani (sotto i 35 anni) che intendono affittare.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Un aumento del salario minimo, sempre che il soggetto ottenga un lavoro e un salario. Agevolazioni sulle case. Ma nessuna grossa rivoluzione in atto frutto di idee nuove e geniali. Ci sono stati, al di fuori dell’ambito economico, fenomeni che attirano l’attenzione della gente e dei media, come il permesso di sposarsi dato alle coppie gay, ma quando si va al concreto sia la destra che la sinistra sono costrette agli stessi sistemi.

Sono ugualmente delusa dal risultato delle elezioni, preoccupata per l'avanzamento della Lega ( condivido il pensiero di giosp a riguardo) e soffro anche all’idea dei mille condoni edilizi a venire, e perciò degli obbrobri che spunteranno dappertutto e che speravo i Verdi avrebbero contrastato, ma niente, andiamo avanti a distruggere coste e paesi, habitat e identità culturali.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
daniela

avatar

Numero di messaggi : 274
Data d'iscrizione : 16.02.08
Età : 55

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mer Apr 16, 2008 2:25 pm

Premetto che sono sostanzialmente apolitica, forse perchè cresciuta tra un nonno facista e un padre comunista (che per il partito ha dato il sangue, salvo rimanere in mutande quando ha avuto bisogno lui).
Detto questo, mi ha colpito l'intervento di Dott sugli obbrobri edilizi che avverrano da qui in avanti.
Che invece fino ad oggi non sono state costruite strade che non portano da nessuna parte, ospedali mai aperti, scuole mai inaugurate ecc... ecc...
Basta divertisi ogni tanto a guardare la TV Surprised
Io abito in un paese dove impera la sinistra da sempre, e garantisco che (come tutti) abbiamo nel nostro piccolo di che lamentarci per le varie corsie preferenziali...
flower D
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://vogliolaluna.blogspot.com/
xantia

avatar

Numero di messaggi : 13
Data d'iscrizione : 27.03.08
Età : 66
Località : Varese (profondo Nord)

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Mer Apr 16, 2008 10:17 pm

Un anonimo mi ha spedito, via e-mail, questo commento alla prevista attuazione dei principali punti programmatici della Lega Lombarda, ve li trascrivo in quanto (pur sperando che non finisca così) temo che il rischio sia più che concreto.
1 - Federalismo ovvero tre macroregioni totalmente indipendenti. E' l'addio all'Italia! Al nord si torneranno a parlare i dialetti celtici, come al tempo del Barbarossa, in attesa di diventare un cantone della Svizzera, al centro probabilmente si parlerà italiano, o magari latino se ritornerà lo stato pontificio, e al sud? dipende da chi se lo compera! Di certo a qualcuno dovrà vendersi se vuole continuare a campare (sembra che i cinesi abbiano ormai finito con l'Africa e quindi perchè non spostarsi in Sicilia e Calabria? Problemi con mafia e ndrangheta per loro non ce ne sono, la mafia cinese se li mangia in un boccone i quattro mafiosi locali!)
2 - Fisco - ogni regione si tiene il 90% delle tasse pagate nel suo territorio. Medesimo commento del punto 1
3 - Immigrazione - qui il problema è un po' più complesso, ma il Nord potrebbe perlomeno sostituire i clandestini arabi, albanesi, africani con i terroni in fuga dal Sud dell'ex nazione Italia.
4 . Sicurezza è legalità - una nuova polizia del Nord - finalmente il Nord si potrà liberare dei Carabinieri! (tanto sono tutti terroni)
5 - Infrastrutture: autostrade e ferrovie, ma soprattutto un bel muraglione alto dieci metri ai confini meridionali, stile Israele/Palestina
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 12:32 am

Premesse:
1) Non sono nazista
2) Non sono fascista
3) Non sono leghista
4) Sono figlio di un siciliano e di una veneta
5) Ciò che segue non vuole giustificare un'eventuale attuazione dei vari propositi leghisti

xantia ha scritto:
1 - Federalismo ovvero tre macroregioni totalmente indipendenti. E' l'addio all'Italia! Al nord si torneranno a parlare i dialetti celtici, come al tempo del Barbarossa, in attesa di diventare un cantone della Svizzera, al centro probabilmente si parlerà italiano, o magari latino se ritornerà lo stato pontificio, e al sud? dipende da chi se lo compera!

Se prendete un veneto che non parla italiano e un siciliano che non parla italiano e li mettete nella stessa stanza non hanno nulla, e dico nulla, in comune. Parlano due lingue completamente differenti. Non si assomigliano fisicamente. Il veneto parlerà pacatamente, il siciliano ad alta voce. Al funerale di un proprio caro il primo piangerà a capo chino, il secondo urlerà Beddu me! fino a perdere la voce. Il primo forse ci metterà una vita prima di invitarvi a mangiare a casa sua, il secondo vi darà da mangiare per un esercito. Il veneto al proprio matrimonio inviterà parenti e intimi amici, il siciliano spenderà i risparmi di due generazioni pur di fare una cerimonia più "in grande" del proprio vicino di casa. Il veneto mangia risi e bisi e poenta e bacalà, il siciliano arancini di riso fritti e una mega caponata di melanzane. Sulla pasta il primo grattuggia il grana, il secondo il pecorino. Il veneto beve cabernet, il siciliano marsala. Le storie di guerra di un vecchio veneto sono differenti da quelle di un vecchio siculo. Tutta la storia veneta è differente a quella siciliana. I veneti hanno il mare Adriatico, i siciliani il Tirreno, lo Ionio e il Mediterraneo. Persino il clima è totalmente diverso.
Insomma, un veneto e un siciliano non hanno nulla, ma proprio nulla, in comune, tranne l'italiano, l'essere entrambi sotto Roma e le caratteristiche che accomunano non solo loro ma tutti gli esseri umani (due occhi, le gambe, il cuore...)
Tirando le somme, tre guerre d'indipendenza e l'impresa dei Mille non potevano (e non sono riuscite a) cancellare millenni di storia in cui veneti e siciliani sono stati popoli diversi di nazioni diverse, distanti come la Francia dalla Polonia o l'Inghilterra dalla Spagna.
Non è facile tenere unito un popolo che in realtà di popoli ne comprende decine. Credo che l'unità d'Italia sia già durata più di quanto si sarebbe potuto scommettere nel 1861.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
nu

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 23.02.08
Località : udine

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 10:27 am

Questo che tu dici ha un senso ma il federalismo non è la soluzione.
Vorrebbe solo dire: Abbandoniamo il sud a se stesso!
Bisognerebbe prima chiedersi come mai il divario è sempre stato così vistoso e a chi ha fatto comodo che il sud diventasse preda della mafia, che restasse arretrato.
Da Giolitti in poi c'è sempre stato tra i politici al governo e le elite locali un rapporto di clienterismo, corrempendo il tessuto sociale del meridione.
A questo paese fa comodo lasciare il sud nelle mani di chi tanto insieme al governo fa i propri interessi. Ma i cittadini onesti e preparati al sud ci sono.
E il nord si è aricchito grazie a questo sistema e grazie alla manodopera di tanti disperati che sono emigrati dal sud al nord..
Ti riporto quanto ho letto sulla "questione Meridionale":
"Fra i più importanti troviamo lo storico socialista Gaetano Salvemini (1873-1957). Egli denunciò l'arretratezza del Mezzogiorno se paragonata al decollo economico avviato nel nord soprattutto da Giolitti. Quest'ultimo venne da lui definito "il ministro della malavita" per il cinismo con cui, con l'aiuto della mafia, approfittava dell'arretratezza e dell'ignoranza del sud per raccogliervi consensi.
Il 14 marzo 1909 infatti Gaetano Salvemini pubblicò sull'"Avanti" un articolo contro Giovanni Giolitti accusandolo di aver incentivato la corruzione nel Mezzogiorno e di essersi procurato il voto dei deputati meridionali mettendo "nelle elezioni, al loro servizio, la malavita e la questura". Salvemini considerava l'industrializzazione estranea alle condizioni economiche e geografiche del sud e avrebbe voluto invece che si valorizzasse la vocazione agricola del meridione. Egli attaccò inoltre il Psi e la Cgil accusandoli di favorire la classe operaia settentrionale a danno dei contadini meridional
i."Salvemini avrebbe voluto che il governo promuovesse la vocazione agricola del sud Italia. Chi teneva in quel momento le redini del Paese tuttavia non fu dello stesso avviso e agì a modo suo optando per leggi speciali e per interventi localizzati. Le leggi speciali prevedevano la concessione degli sgravi fiscali alle industrie e l'incremento delle opere pubbliche. Questo portò ad una crescita della spesa statale che andò ad alimentare i ceti improduttivi e parassitari. Tali ceti garantivano voti alla maggioranza al governo e in cambio ricevevano appalti di opere pubbliche insieme ad altri favori.

Questo è accaduto molto tempo fa ma è stato solo l'inizio.
Perchè la gente deve pagare? Non devono essere abbandonati.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
nu

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 23.02.08
Località : udine

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 10:49 am

Vorrei aggiungere qualcosa sulle diversità.
Io sono di Bari ma vivo a Udine, mi sono interessata di questa regione piccola ma molto eteogenea.
In Friuli si contano:friulanofoni, tedescofoni, slavofoni. Il friulano ha anche due varietà ben distinte ecc....
Sebbene possono esserci dei problemi queste diversità fanno parte della storia della regione e con queste differenze la gente convive serenamente.
Le differenze vengono sempre viste in negativo ma nel 2008 mi sembra assurdo credere che la diversità sia un limite per la convivenza.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 11:03 am

nu ha scritto:
Questo che tu dici ha un senso ma il federalismo non è la soluzione.
Vorrebbe solo dire: Abbandoniamo il sud a se stesso!

Nessuna intenzione di abbandonare il Sud a se stesso. Ripeto, sono figlio di un siciliano, voglio bene a quella terra e a quella gente.
La questione Meridionale è troppo complessa e troppo distante da me per riuscire a suggerire soluzioni valide. Però sono convinto di una cosa: che la Mafia, la Ndrangheta, la SCU e la Camorra sono organizzazioni parastatali che non durerebbero un altro mese se non fossero costantemente sorrette finanziariamente dallo Stato, se i politici non dessero loro il potere, se le forze dell'ordine non li appoggiassero nelle loro cosche.
In parlamento e nel governo ci sono troppi mafiosi per dare una speranza al Sud. E non sono tutti del Nord, che sopprimono il Sud per avere lavoratori terroni che con il loro lavoro portano guadagno alle loro tasche. Molti di loro sono nati e cresciuti nel Meridione e sono lì che succhiano il sangue della loro gente e opprimono i loro conterranei.
In tutto questo il Nord c'entra. Ma poco. Il grosso del problema parte dal Meridione, fa il giro largo, se vuoi, ma ritorna lì.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 11:08 am

nu ha scritto:
Sebbene possono esserci dei problemi queste diversità fanno parte della storia della regione e con queste differenze la gente convive serenamente.
Le differenze vengono sempre viste in negativo ma nel 2008 mi sembra assurdo credere che la diversità sia un limite per la convivenza.

Concordo. La diversità non dovrebbe essere un problema.
Sta di fatto che in un mondo in cui ogni popolo cerca di essere nazione a se stante (vedi l'ex Yugoslavia, ora divisa in sette nazioni (Kosovo compreso), o l'ex URSS, o a breve la probabilmente ex Spagna) non sorprenderebbe che diversità abissali come quelle che ci sono fra veneti e siciliani portassero alla creazione di due nazioni distinte.
Che sia giusto o sbagliato è un altro capitolo. Però nel 2008, guardandosi intorno, è un'eventualità non troppo remota.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
nu

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 23.02.08
Località : udine

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 1:05 pm

Concordo su tutto Giosp.
Ma la situazione mi rattrista, mi agita perchè la mia famiglia, due fratelli ancora adolescenti vivono giù e non so che futuro ci sarà per loro, ma in effetti soluzioni non ne vedo.
La Storia va avanti senza guardare in faccia nessuno!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giosp

avatar

Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Serenissima Repubblica Veneta

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 1:35 pm

Che bello, siamo finalmente d'accordo su qualcosa! pirat
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://copevetuti.splinder.com
nu

avatar

Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 23.02.08
Località : udine

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Gio Apr 17, 2008 2:05 pm

Very Happy
Non avevo dubbi che sarebbe capitato, anche se abbiamo idee diverse apprezzo la tua onestà e mi piace come scrivi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
matemati

avatar

Numero di messaggi : 86
Data d'iscrizione : 17.02.08
Età : 55
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   Dom Apr 20, 2008 11:48 pm

Forse qualcuno ne ha già parlato e mi è sfuggito (avete scritto tanto...e bene, naturalmente)
però...
io sono rimasto perplesso dal risultato dell'UDC
Va bene, hanno preso pochi voti anche loro, ma comunque sono arrivati terzi dopo i due schieramenti principali, e soprattutto sono l'unico partito "minore" che è riuscito a conquistare dei seggi.
Cosa avevano da offrire, se non un vago (cito a memoria le parole di Casini stesso) "modernizzazione dell'economia e tradizione della morale"?
Hanno rappresentato un rifugio per i cattolici, appunto, "tradizionali", che non si sentono rappresentati né dal PD né dal PDL?
Ci sarà un rilusso di bigottismo con cui fare i conti?
Domande, non certezze, specifico...ma mi inquietano.

(Ad ogni modo e per chi fosse interessato, io ho votato IDV)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Andrete a votare? Per chi? Perchè?   

Tornare in alto Andare in basso
 
Andrete a votare? Per chi? Perchè?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» urban rivals
» Dok orki : perchè non giocati spesso con le cavie ?
» skaven!!perchè?
» perché si chiama BSB?!?!
» Lupi con martello tuono e scudo tempesta troppo costosi!!!!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Al Dolphin Hotel :: Hall :: Chiacchiere, confronti & consigli-
Andare verso: